VENEZIA: 4 CAFFE’ E 3 AMARI IN PIAZZA S.MARCO PAGATI OLTRE 100 €

“In tempo di crisi sono prezzi ingiustificabili” scrive Maria su Facebook commentando la foto dello scontrino choc. Siamo in Piazza San Marco a Venezia, uno dei luoghi più suggestivi d’Italia. Un gruppo di 7 turisti romani si siedono ai tavolini del Caffè Lavena, uno dei locali che affacciano sulla piazza. Consumano 4 caffè e 3 amari accompagnati da piacevole musica. Meno piacevole alla fine è stato lo scontrino e il conto pagato di 100,80 € su cui hanno inciso 42 € di supplemento musica.

I titolari del caffè, che si affaccia sul ‘salotto buono ‘ della città, non si scompongono e spiegano: ”Ai turisti viene dato il listino nel quale sono indicati tutti i prezzi, compreso il supplemento per la musica”. Difende il locale anche Ernesto Pancin, segretario provinciale della Fipe, la federazione dei pubblici esercizi. ”Se quei caffè e quegli amari i sette turisti romani li avessero presi cento metri più in là, fuori dalla piazza, avrebbero sicuramente pagato un prezzo diverso”. E rincara: ”sono stufo di questi episodi che attaccano di continuo Venezia e i locali apparentemente da salasso. Mi sembra che siano persone che non sanno girare il mondo. Cosa pretendevano di pagare in un caffè che è il top sia nel servizio che nella qualità, seduti in Piazza San Marco e con l’orchestra che suona per loro? Se ne stia a casa certa gente. Lancio una provocazione: quel caffè per quanto mi riguarda – conclude – sarebbe dovuto costare almeno 20 euro per i costi che hanno le nostre aziende”.

Leggi anche: La Moka caffettiera preferita in tempo di crisi

carocaffe

  • minimaliltaly

    Sono d’accordo col gestore (anche se il prezzo a mio avviso è una follia): se era tutto indicato sul listino, allora bastava leggere ed eventualmente alzarsi ed andarsene senza ordinare nulla.
    Quando viaggio cerco sempre i ristoranti con il menu all’esterno e se proprio non posso fare altrimenti e non mi piace quello che leggo saluto cortesemente ed esco: meglio un piccolo imbarazzo che una grossa arrabbiatura!
    Ormai l’ignoranza non è più giustificabile: vuoi sapere quanto spenderai, cosa mangi, cosa compri? Leggi, informati, non fermarti alle apparenze 😉

  • Domenico Melia

    se entri in una gioielleria Tiffany o altra di alta gamma non puoi aspettarti i prezzi del mercatino del giovedì, i prezzi dei bar sono sempre esposti. Davvero non vedo dove sta il problema.